3462304138 silvia@shivaflow.it

Nono giorno – Ultimo

E anche questo viaggio volge al termine. E come sempre sembra di essere arrivati ieri. E come sempre il gruppo, dapprima a tratti un po’ diffidente e guardingo, trova i suoi equilibri. 

Questa mattina noi “indipendentisti” siamo andati diretti sul tetto. Il gruppo era più numeroso. Anche i panni stesi sul tetto erano più numerosi. Non avevo mai fatto yoga tra le mutande e i leggings appesi, e devo dire che ha un suo fascino. Sembra vi essere ne “Le fate ignoranti”. 

 

Giù, nella shala è comparso nuovamente il fotografo, che, mentre stavamo praticando, ha fatto capolino anche sul tetto. Si guarda intorno, scatta qualche foto, poi mi chiama, mi molla in mano la macchina la fotografica: “Can you take photos?”

E se ne va. Basita, rimango con la macchina in mano tra l’ilarità degli altri.

Ma poteva essere finita? Ovviamente no, siamo in India. Mentre pratichiamo spunta sul tetto un ragazzo con il bucato. Ci guarda un po’ sconcertato. Aspetta, ma la pratica non finisce, così, quando un’altra ragazza sbuca dalla scala per ritirare una maglietta, scavalcando un paio di praticanti, lui prende coraggio, fa lo slalom tra i tappetini, e senza fare una piega comincia a stendere.

Molto bene. Dopo tutto è facile praticare quando sei in una shala, al silenzio, con nessuno che ti disturba. Prova tu a praticare con uno che ti stende di fianco.

A colazione ci sono i miei preferiti! Gli gnocchi fritti indiani. Come sempre ne mangio una quantità smodata. Decidiamo di non tornare a pranzo per concludere le ultime commissioni. Io devo accompagnare Irina in farmacia e Mara a comprare una giacca perché ha lasciato la sua all’aeroporto di Delhi all’andata. Chiedo a Rameshji dove posso a trovare una farmacia fornita e lui mi dice che ci porterà Rajesh, un ragazzo, a dire il vero un po’ strambo, che lavora da lui. “Come at one”. 

Vado a fare la valigia, penso. Sono le undici, ho tempo. Mentre comincio a tirar fuori roba dall’armadio mi suona il telefono. E’ Ramshji: “ Rajesh is ready. Come now!”

E niente, molla tutto. Rajesh si è liberato. Meglio, avrò più tempo dopo. Ci troviamo all’ingresso. La farmacia non è molto lontana. Rajesh si dirige verso una moto e guarda Irina che scuote la testa: “No, no, io non salgo lì con lui.”

Ma, ahimè, interviene Rameshji che ci invita a salire. Tutti e tre. 

Irina mi spinge sulla moto dicendo: “Così lo devi abbracciare tu” e poi monta dietro. Partiamo e ci troviamo proprio di fronte a un tuk tuk che sta arrivando dall’altra parte. Ma non faccio neanche in tempo a urlare. Rajesh lo evita e prosegue come se nulla fosse. Per fortuna la farmacia è davvero vicina.

Il resto del pomeriggio passa tra una giacca e l’altra. Purtroppo Mara non ha voluto prendere quella da sbarco sulla luna, lilla, catarifrangente, con le imbottiture. Trovare qualcosa di sobrio qui è impossibile, ma quella che ha trovato è quasi normale. Pazienza, avrei voluto atterrare a Malpensa in grande stile.

Mentre aspettiamo Rameshji per la consegna dei certificati di partecipazione sbuca una ragazza del gruppo del teacher training che ci dice che il bollitore deve rimanere nella stanza comune. Mi chiedo perché lo dica a noi. A chi potrebbe venire in mente di portarsi in camera il bollitore comune? Sto per intervenire, anche un po’ piccata, quando una vocina interiore mi dice di stare un passo indietro. Si apre l’ascensore e compare Cesario. Momento di silenzio. “Cesario, per caso hai tu il bollitore?”. Silenzio. 

Ramesh intanto mi dice di andare a mangiare, la consegna è rimandata.

A cena, il gruppo mi fa una sorpresa, una meravigliosa sciarpa che mi piaceva tanto, ma che stoicamente son riuscita a non comprarmi. Ho fatto fatica a non piangere, ma ce l’ho fatta.  

Dopo cena saliamo alla shala per il benedetto certificato, ma lui non c’è. Aspettiamo. Aspettiamo. Aspettiamo. 

Vabbè scendiamo, quando mi avvisa vi chiamo. Arrivo davanti alla porta della camera: “Tell them to certificate”.

Tutti di nuovo su. Sono stravolta.

In shala, mi consegna i certificati da consegnare. Li distribuisco, poi inizia il rito delle foto. Uno alla volta. Tutti quelli con il certificato perché hanno fatto ashtanga. Tutti indistintamente. Il video. Una trafila da matrimonio, ma ecco. Discorso finale, scusate se facciamo tanto riso, ma in India si mangia prevalentemente quello.

Siamo pronti. Tra poco si parte.

Sesto giorno – A caccia di templi

Sesto giorno - A caccia di templiQuesta mattina abbiamo pratica libera. Alle 6.00. Perché in programma c'é il giro dei templi. La sera prima ho avvisato che sarei comparsa alle 6.30, ma alle 6.15 sono nella shala, dove trovo due eroici che ci stanno già dando dentro....

leggi tutto

Quinto giorno – Una serata speciale

Quinto giorno - Una serata specialeDomenica vacanziera e rilassata. Ci siamo dedicati a girovagare, fare commissioni e rilassarci. Ma in apertura di giornata ovviamente c'era la pratica. Le ultime di ieri sera mi davano una pratica Mysore, forse autogestita, forse no....

leggi tutto

Quarto giorno – I pullappatori

Quarto giorno - I pullappatoriE siamo arrivati al grande giorno, quello della Special Practice di Rameshji. Salendo per le scale mi viene incontro Letizia per dirmi che Rameshji  non c'è. Vedo sospiri di sollievo e visi che si rilassano. La shala è ancora piena, i...

leggi tutto

Terzo giorno – Il tempio dei pianeti

Terzo giorno - Il tempio dei pianetiLo ammetto, questa mattina mi sono alzata chiedendomi cosa avrebbe escogitato Cesario per combattere la sudorazione. E ovviamente lui, da vero uomo campano d'ingegno, non ha deluso. Entriamo nella shala che hanno finito da poco di...

leggi tutto

Primo giorno, ricognizione

Primo giorno, ricognizioneHo pensato di utilizzare il primo giorno per fare un giro dei paraggi, in modo che ognuno sappia dove andare se ha bisogno di qualcosa, senza doversi muovere tutte le volte in 21. Una giornata tranquilla, dopo il viaggio di ieri. La giornata...

leggi tutto

Mysore dicembre 2023

Mysore dicembre 2023 - il viaggioIl viaggio della speranza. Speri che prima o poi finisca, almeno prima di diventare troppo anziana per godertelo. Questa volta il volo è in notturna. Bellissimo, posso dormire, arrivo lì di mattina e mi godo il pomeriggio. E invece no....

leggi tutto

Di nuovo in India – Varanasi 2

Una delle cose che più mi ha colpito di questo viaggio in India è stata la diversità delle energie che ho trovato tra Nord e Sud, tra Varanasi e Mysore. E' normale che da uno stato all'altro ci siano differenze, questo è certo; da uno stato all'altro cambiano lingue,...

leggi tutto

Di nuovo in India – Varanasi 1

Ho lasciato decantare per qualche giorno, prima di scrivere sui giorni passati a Varanasi. Un po’ per stanchezza, un po’ perché sopraffatta da alle cose da fare al nostro rientro, ma soprattutto per metabolizzare. Nei miei viaggi in India precedenti (questo era il mio...

leggi tutto
Follow Us
Lezioni infrasettimanali (in presenza e online)

Lun: 19.00 – 20.00 Shiva Flow Elements

Mar: 10.45 – 12.00 Approfondimenti per insegnanti

Gio: 19.00 – 20.00 Flow guidato

Telefono e Whatsapp

+393462304138

Indirizzo

via Marsala 69, Sesto San Giovanni (MI)