3462304138 silvia@shivaflow.it

Una delle cose che più mi ha colpito di questo viaggio in India è stata la diversità delle energie che ho trovato tra Nord e Sud, tra Varanasi e Mysore.

E’ normale che da uno stato all’altro ci siano differenze, questo è certo; da uno stato all’altro cambiano lingue, abitudini, cibo, modi di essere e di vivere. Ma tra Mysire e Varanasi mi sembra che cambino proprio gli sguardi, i modi. 

 

Varanasi è potente, frenetica, invadente. Più di tutti gli altri [pochi] luoghi che ho visitato in India, si impone, ti chiede di piegarti e adattarsi. Mysore, come primo approccio all’India, è decisamente più facile. Gokulam, il quartiere di Mysore dello yoga per antonomasia lo è ancora di più. Negli  ultimi anni si è molto occidentalizzata e “ingentilita”, adattandosi alle richieste europee e americane. Varanasi ti ospita, ma non ti accoglie. Ti permette di stare, ma alle sue regole.

Te ne accorgi anche solo girando in tuk tuk, ma il momento più potente, e il mio preferito, è la aarti, il rito religioso. Nell’ashram che ci ospitava c’era un piccolo tempio dove ogni sera si teneva il rito. I ragazzi si riuniscono, uno suona il tamburo, uno i campanacci, uno la conchiglia. Il brahmino esegue il rito, cantando i mantra. E poi c’è lui, Śani, il cane, segnato dalla rogna, che corre non appena sente i primi campanacci, e comincia ad ululare.

Credo che questo sarà il ricordo più forte ed emozionante di questo viaggio. Trovarsi lì in mezzo, in quella energia, è una sensazione incredibilmente potente. Ti aspetti di vedere comparire da un momento all’altro Śiva in carne e ossa.

Di nuovo in India – giorno 6

I giorni passano e oggi siamo già a venerdì. Siamo in quella situazione nella quale ci sembra ieri e ci sembra un vita. Le facce della mattina sono più da “ci sembra una vita”, a dire il vero. Oggi ce la siamo presa comoda. Pratica della mattina (io come al solito mi...

leggi tutto

Di nuovo in India – giorno 5

Oggi in programma c'era la visita a Chamundi Hills Temple, il tempio dedicato alla dea Chamundi, la Dea protettrice di Mysore. Nel Sud dell'India è più diffusa la corrente Shankta, quella che adora, appunto la dea, in tutte le sue forme, e questa settimana è caduta...

leggi tutto

Di nuovo in India – giorno 4

Oggi giornata libera. Giornata libera significa girare come trattole a bordo di tuk tuk impazziti. Dopo la pratica, e la colazione, ne prendiamo uno per andare al negozio di prodotti ayuverdici che si trova nella zona in cui abitavo la prima volta che sono venuta a...

leggi tutto

Di nuovo in India – giorno 3

Questa mattina allo specchio invece della mia faccia mi osservava un leone. Senza criniera, tra l’altro. A uno sguardo più attento mi sono resa conto che il leone che mi fissava ero io: avevo gli occhi gonfi, un po’ alla Bud Spencer. E mi muovevo come Robocop.   ...

leggi tutto

Da nuovo in India – giorno 2

Questa mattina la pratica era alle 8.30, e ho deciso di prendermela tranquillamente. Ho optato per fare una pratica personale, al mio ritmo, in ascolto del corpo. Ho steso il mio tappetino indiano frugale e, mentre gli altri seguivano Ramesh che guidava la prima...

leggi tutto

Di nuovo in India – Giorno1

Una giornata che ne vale 10, un programma impegnativo, quello di oggi, soprattutto perché abbiamo in corpo il jet-lag, per cui la pratica alle 6.30 ha il sapore di una levataccia alle 3. Sento da lontano, molto lontano, la voce di Max che mi chiama. Cerco di capire...

leggi tutto

Di nuovo in India

Finalmente, dopo 4 deliranti e lunghissimi anni, sono riuscita a tornare in India. Nello stato confuso e ovattato in cui mi trovo, dopo 9 ore di aereo e 4 di pullman, faccio ancora fatica a rendermene conto. Oscillo tra la sorpresa di essere finalmente qui e la...

leggi tutto

Ganga

Śiva A causa di una tremenda siccità, il pio re Bhagīratha decise di impegnarsi in una pratica austera per chiedere alle forze celesti di liberare il fiume Gange e farlo discendere sulla terra. Per mille anni si sottopose a terribili pratiche. Brahmā, infine, gli si...

leggi tutto

La generosità

Sivi era il re di Usinara, un regno nel nord-ovest dell'India. Era un re buono e giusto e la sua generosità non aveva limiti. La sua fama si diffuse fino ai cieli e gli dei ne rimasero colpiti. Poteva davvero esistere una creatura così generosa? Indra disse: "E'...

leggi tutto
Follow Us
Lezioni infrasettimanali (in presenza e online)

Lun: 19.00 – 20.00 Shiva Flow Elements

Mar: 10.45 – 12.00 Approfondimenti per insegnanti

Gio: 19.00 – 20.00 Flow guidato

Telefono e Whatsapp

+393462304138

Indirizzo

via Marsala 69, Sesto San Giovanni (MI)